TA.S.I. (TAssa sui Servizi Indivisibili)

La TA.S.I. viene versata in autoliquidazione dal contribuente

SCADENZE DI VERSAMENTO PER L'ANNO 2017

prima rata 16/06/2017 -  saldo 18/12/2017

o in un unica rata entro il 16/06/2017.

PER IL CALCOLO SI UTILIZZA LA BASE IMPONIBILE IMU, SI APPLICANO LE ALIQUOTE E LE RELATIVE DETRAZIONI

ALIQUOTE (da applicare alla base imponibile)

Abitazione Principale di categoria catastale  A/1, A/8 e A/9 e relative pertinenze:    2,8 (2,8 per mille) 

Fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati:    3,3 ‰ (3,3 per mille)

Fattispecie imponibili diverse da quelle di cui ai punti precedenti:    0‰ (zero per mille)

Nota:

Si intendono quali pertinenze, di cui ai precedenti punti, esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7 nella misura massima di una unità pertinenziale per ciascuna delle categorie indicate, anche se iscritte unitamente all’unità ad uso abitativo.

Per l’ABITAZIONE PRINCIPALE si intende un’unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente (nel caso in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale, le agevolazioni per l’abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile).

DETRAZIONI

Per le sole unità immobiliari adibite ad abitazione principale ove il soggetto passivo dimori ed abbia la residenza di cui al precedente punto 1), classificate nella categoria catastale A, esclusi gli A/1, A/8 e A/9, si riconosce la detrazione fissa per unità immobiliare di € 50,00 maggiorata dell’importo di € 50,00 per ogni figlio residente anagraficamente e dimorante nell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale di età non superiore a 26 anni, fino a concorrenza dell’imposta dovuta sui citati immobili.

BASE IMPONIBILE

La Base imponibile ai fini TA.S.I. per ciascuna unità immobiliare iscritta a Catasto si ottiene moltiplicando la rendita catastale per i seguenti moltiplicatori (che comprendono sia la rivalutazione del 5% -prevista dal comma 48 della L. n. 662/96- che l'applicazione dei nuovi moltiplicatori I.M.U.-previsti dall'art.13, comma 4, del D.L. n. 201/11-) 

per immobili iscritti a Catasto                                           si ottiene la base imponibile moltiplicando 

 in categoria:                                                                            la rendita catastale per:

 A/1, A/2, A/3, A4, A5, A6, A7, A8, A/9, C/2, C/6, C/7                     168

 A/10                                                                                                  84

B/1, B/2, B/3, B/4, B/5, B/6, B/7, B/8, C/3, C/4, C/5                           147

C/1                                                                                                      57,75

D/1, D/2, D/3, D/4, D/6, D/7, D/8, D/9, D/10                                         68,25

D/5                                                                                                      84

MODALITÀ DI VERSAMENTO

a mezzo modello F24 presentato presso qualsiasi sportello postale, sportello bancario o sportello Equitalia e NON comporta commissioni di versamento.

Il versamento online da parte di persone fisiche è possibile attraverso il servizio di homebanking, se stipulato con la propria banca, o attraverso il sito dell'agenzia delle entrate, se in possesso della password e PIN utilizzabili per i servizi dell'Agenzia delle Entrate e verificare la propria posizione INPS.

COMPILAZIONE MODELLO F24

Gli importi TA.S.I.devono essere inseriti nel quadro "SEZIONE IMU E ALTRI TRIBUTI LOCALI" del modello F24. Per la sua compilazione si osservano le seguenti indicazioni:

  • codice ente/codice comune: B042
  • apporre una croce nelle rispettive caselle se trattasi di un versamento effettuato per: ravvedimento operoso; acconto (rata di giugno o settembre); saldo (rata di dicembre); sia acconto e saldo se il versamento di giugno riguarda l'importo totale dovuto per l'anno;
  • indicare il numero di immobili per i quali si versa la TA.S.I.;
  • indicare il codice tributo (3958 per le abitazioni principali e loro pertinenze 3961 per altri fabbricati)
  • indicare anno di riferimento: 2017;
  • indicare importo TA.S.I. da versare nella casella "importi a debito versati".

 

TERMINE PER LA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE TA.S.I. 2016 (per variazioni che riguardano l'imposta):  la scadenza di presentazione della dichiarazione è il 30/06/2017.