SERVIZIO AMBIENTE

UFFICIO TECNICO AMBIENTE

Il Comune agisce nell’ambito della programmazione, pianificazione, autorizzazione e promozione perseguendo la tutela e la salvaguardia dell’ambiente, delle risorse naturali e della salute pubblica.

Il Comune collabora con l'Agenzia Regionale per la Prevenzione l' Ambiente e l'Energia (ARPAE), con lo Sportello Unico Attività Produttive (S U A P) e con l'Unione dei Comuni delle Valli del Taro e del Ceno nell'esercizio delle funzioni ad essi dedicate.

L´ARPAE, che integra le funzioni di Arpa (istituita con la legge regionale n.44 del 1995) e dei Servizi ambiente delle Province, è stata istituita con legge regionale n.13/2015 ed è operativa dal primo gennaio 2016, ed esercita, in materia ambientale ed energetica, le funzioni di concessione, autorizzazione, analisi, vigilanza e controllo, nelle seguenti materie: risorse idriche; inquinamento atmosferico, elettromagnetico e acustico, e attività a rischio d´incidente rilevante; gestione dei rifiuti e dei siti contaminati; valutazioni e autorizzazioni ambientali; utilizzo del demanio idrico e acque minerali e termali.

Il servizio ambiente del comune si occupa della gestione delle competenze comunali per la salvaguardia dell’ambiente rispetto alle varie matrici e relative ai procedimenti avviati presso i suoi i uffici:

  • Autorizzazione agli scarichi idrici (domestici o assimilati)

 

o presso le autorità procedenti e competenti ( -S U A P-):​

  • Autorizzazione unica ambientale (AUA)
  • Autorizzazione integrata ambientale (AIA - IPPC)
  • Valutazione impatto ambientale (VIA - SCREENING - SCOPING)
  • Valutazione strategiaca ambientale (VAS)
  • Procedure di bonifica dei siti inquinati
  • Procedimenti per interventi in aree sottoposte a vincolo idrogeologico
  • Autorizzazioni o comunicazioni varie in materia ambientale

 

In particolare le materie ambientali coinvolte sono:

Scarichi idrici + D.lgs. n.152/2006 -norme in materia ambientale-, DGR n.1053/2003, DGR n. 286 del 14/2/2005, Delibera Regionale n. 1860 del 18/12/2006 (Linee Guida di Indirizzo per la gestione delle acque meteoriche e di dilavamento riferite alla D.G.R. n. 286/2005), DM 185/2003, Decreto 2/05/2006 (linee tecniche per il riutilizzo delle acque reflue), Regolamento Pubblica Fognatura ATO -Deliberazione n. 6 del 29/08/2011

Emissioni in atmosferaD.lgs. n.152/2006 TitoloV -Norme in materia ambientale-DGR n. 2236/2009

Inquinamento acustico + L 26.10.1995 n. 447- LR 9.5.2001, n.15- DGR n. 2053/2001 - D.G.R. 21/01/2002 n.45, D.P.R. n. 227/2011- Regolamento per la semplificazione in materia ambientale

Gestione rifiuti + DM 471/99 (per le parti compatibili con il D.lgs. n. 152/06), D.lgs. n. 152/2006 -Norme in materia ambientale

Spandimento liquami + D.lgs. n. 99/92 (utilizzo dei fanghi in agricoltura), Decreto Ministeriale 7/04/2006, D.G.R. n. 96/2007 (criteri e norme tecniche generali in attuazione al Decreto 7/04/2006), Legge Regionale n. 4/2007

Valutazione impatto ambientale D.P.C.M. 10/08/1988 n. 377- D.Lgs 152/06 Parte seconda -Norme in materia ambientale- L.R. N.3 20/04/2012

Serbatoi interratiD.lgs. n. 32/1998 - D.M. 29/11/2002 - D.C.R. n. 355/2002 - D.G.R. 1562/2003

Autorizzazione ambientale integrata IPPC-AIAL.R. n. 21/2004 - D.lgs n. 59/2005, D.lgs. n. 152/06 Parte seconda- Norme in materia ambientale

Inquinamento elettromagnetico Decreto 381/98 – L.R. 30/2000 - Legge Quadro n.36/2001 – DGR n.197/2001 – D.lgs 1 Agosto 2003, n.259 (Codice delle comunicazioni elettroniche artt. 86-87-87 bis) – DPCM 8.7.2003, G.U. 199/2003 (esposizione a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati da frequenze comprese tra 100 kHz e 300 GHz) – DPCM 8.7.2003 G.U. 200/2003 (esposizione alla frequenza di rete pari a 50 Hz generata da elettrodotti)- DGR n. 1138/2008 modifiche e integrazioni alla DGR n. 197/2001

EnergiaDlgs. 387/2003- DPCM 8.7.2003 G.U. 200/2003 - L.R. 10/93- DGR Decreto 10 Settembre 2010 Linee Guida per l’autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili- DGR n. 28/2010- Fotovoltaico-Eolico-Biomasse-Idraulica e Geotermica 

 

Persone che ne fanno parte:

Ingegnere - Responsabile del Settore Tecnico
Ingegnere